Aprire un Centro di Massaggi: come funziona?

Apertura Centro Massaggi

Apertura di un Centro Massaggi

Il Massaggio rappresenta una tendenza sempre più diffusa e la domanda di questi trattamenti di benessere, sempre più importante, ha portato al proliferare di Istituti di Bellezza e strutture dedicate al Wellness.

 

Come aprire un Centro di Massaggi: i presupposti burocratici

Innanzitutto è fondamentale informarsi presso la Regione di appartenenza, dato che si possono verificare diversi casi:

  1. La Regione ha decretato che possono aprire un Centro di Massaggi solo Estetisti o Fisioterapisti con titolo conseguito dopo lo svolgimento e superamento di un Corso riconosciuto. 
  2. Non è necessario il titolo di Estetista ma basta essere un Operatore del Massaggio con Attestato, rilasciato dopo Corsi di Massaggio adeguati all’attività che si vuole svolgere.
  3. Come titolare si può aprire un Centro di Massaggi anche senza Attestati e qualifiche, da puri imprenditori. L’importante è che all’interno sia presente un direttore tecnico abilitato alla professione di Estetista e i dipendenti siano qualificati come Massaggiatori tramite Attestato.


L’iscrizione all’attività del Centro di Massaggi

Non esiste una normativa dedicata al solo Centro di Massaggi ma, di regola, si fa riferimento a quella relativa all’apertura di Centri Estetici con macchinari, valutando però solo la parte relativa alle cabine da massaggio.

Dal punto di vista legale, i professionisti che operano da privati o nei centri dedicati al benessere ed ai massaggi olistici possono farlo, a patto che i trattamenti effettuati non abbiano alcun fine medico oppure estetico o curativo.

 

Il Centro di Massaggi ed i presupposti del Marketing

Come per tutte le attività, consigliamo sempre di far svolgere un’analisi di marketing da un professionista, al fine di delineare alcuni punti fondamentali, prima di iniziare una nuova avventura:

  • Verificare se la zona in cui si vuole aprire l’attività può facilmente trovare consenso;
  • Analizzare la concorrenza sul mercato di riferimento;
  • Scegliere un “quartiere strategico” in base al segmento che lo abita;
  • Stabilire un’offerta commerciale aggressiva.

Se avete già tutte queste informazioni e la domanda è: “quanto costa aprire?”, allora la risposta è che dipende da diversi fattori: spese fisse, macchinari, dipendenti, pubblicità, ecc., variabili in base alle potenzialità d’investimento ed agli obiettivi sul breve, medio e lungo periodo.

SCOPRI LE OFFERTE IN SCADENZA ►►►