Contenuto non disponibile

I contenuti di tipo “Facebook Pixel [noscript]” utilizzano cookies di terze parti. Per visualizzarli occorre accettare l’utilizzo di questo tipo di cookies.

Impostazioni cookies

Muscoli e Contratture

1

Nel corpo umano ci sono circa 620 muscoli volontari che hanno diverse forme e dimensioni. Alcuni sono corti e piccoli, altri larghi e piatti, altri ancora lunghi e fusiformi: ciascuno ha la struttura, la forma e le dimensioni più adatte per svolgere il proprio lavoro. Ogni muscolo svolge una precisa funzione, se considerato singolarmente, e può, di volta in volta, essere il protagonista principale di un movimento (funzione agonista), può tendere a fermarlo (funzione antagonista) oppure partecipare attivamente, al pari di altri muscoli, a realizzare un movimento complesso (funzione sinergica).

Dal punto di vista strutturale si riconoscono due tipi di tessuto: striato e  liscio. Tale distinzione si basa sulla presenza o assenza di una striatura trasversale che si sussegue regolarmente negli elementi muscolari.

Dal punto di vista funzionale il tessuto muscolare può essere suddiviso in volontario e involontario a seconda che la contrazione possa essere controllata dalla volontà oppure avvenga indipendentemente da essa.

In base ai suddetti criteri si distinguono tre diverse categorie di tessuto: il tessuto muscolare liscio involontario, il tessuto muscolare striato volontario o scheletrico, il tessuto muscolare striato involontario o cardiaco.

La contrattura è una contrazione involontaria, insistente e dolorosa di uno o più muscoli scheletrici. Il muscolo coinvolto si presenta rigido e l’ipertonia delle fibre muscolari è apprezzabile al tatto.

La contrattura è di per sé un atto difensivo che insorge quando il tessuto muscolare viene sollecitato oltre il suo limite di sopportazione fisiologico. L’eccessivo carico fisico o emotivo innesca un meccanismo di difesa che porta il muscolo a contrarsi. Le cause predisponenti possono essere di natura meccanica oppure energetica. Ciò che si sa con certezza è che sono in qualche modo correlate ai seguenti fattori:
– trauma emozionale
– mancanza di riscaldamento generale e specifico durante un’attività sportiva
– sollecitazioni eccessive, movimenti bruschi e violenti
– problemi articolari, squilibri posturali e muscolari, mancanza di coordinazione

La contrattura non è una lesione muscolare poiché non causa alcuna lesione anatomica alle fibre. Ciò che si verifica è semplicemente un aumento involontario e permanente del loro tono.

Prendersi troppo sul serio, può nuocere gravemente alla salute.

Anonimo

SCOPRI LE PROMOZIONI IN CORSO ►►►

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per le finalità illustrate nella Cookie Policy. Puoi rifiutare i cookie di terze parti, ma ti consigliamo di accettarli per una migliore esperienza di navigazione.